Giorno 21
Partenza
Agosto
Mese
8 giorni
Durata
S. Maria Maggiore
Località
Medio
Impegno

Settimana Trekking e Natura in uno dei comprensori più ricchi d’Italia, fra le Alpi, il Monte Rosa, il Lago Maggiore e la Svizzera

Scadenza Iscrizione: 30 Luglio

La montagna, il silenzio, l’aria raffinata e purissima. I colori dell’estate piemontese ci abbracceranno e ci faranno vivere ogni attimo intensamente. L’impegno previsto è medio alto, con possibilità di ridurre l’impegno.

PRIMO APPUNTAMENTO Domenica 21 Agosto – Ore 8.00

Roma, Piazza Bologna 1, Bar Meeting Place

SECONDO APPUNTAMENTO Ore 18.00. Santa Maria Maggiore, Hotel
RIENTRO A ROMA Domenica 28 Agosto – Ore 20.00 circa
QUOTA ASSOCIATIVA
Organizzazione, accompagnatore e Guide Ambientali locali: 120 Euro
SPESE PREVISTE A CARICO DEL SOCIO
Sette giorni di Mezza Pensione in Hotel tre stelle. Tassa di soggiorno. WiFi. Servizio navetta in Santa Maria Maggiore: 385 euro

Tessera Associativa

Pranzi

Vino a cena

Supplemento camera uso singola: 10 euro a notte (disponibilità 1). Supplemento camera matrimoniale uso singola: 20 euro a notte (disponibilità 2)
Spese di trasporto

Come partecipare

Il socio è tenuto a inviare tramite bonifico la quota associativa di 120 euro entro la data di scadenza indicata. Le rimanenti spese verranno coperte in contanti sul posto.

Estremi per il Bonifico: Conto Corrente Postale intestato a “Associazione Sportiva Dilettantistica Cammino Mediterraneo”. IBAN   IT – 13 – U – 07601 – 03200 – 000077931608. Codice Bic/Swift: BPPIITRRXXX
In alternativa Postagiro su CCP 77931608
A versamento fatto invia un sms o whatsApp, indicando data, importo e causale oppure invia una e-mail a info@camminomediterraneo.com allegando ricevuta in formato PDF. In caso di urgenza chiama il 3336327610. L’Associazione ha anche un numero di Fax a cui mandare copia della ricevuta: 06 94800156

La quota associativa non è restituibile in caso di mancata partecipazione.
Prima della partenza verrà inviata una e-mail per informazioni pratiche, utili ad un corretto accesso all’attività

Trasporto

Verranno utilizzate automobili private e/o Minibus noleggiati direttamente dalla Guida o altro partecipante. Per chi avesse bisogno di passaggi deve comunicare direttamente alla Guida responsabile. Automobili private: i passeggeri divideranno in parti uguali 10 centesimi a Km + l’eventuale pedaggio autostradale, parcheggi a pagamento e servizi legati al suo uso.
Eventuale Noleggio Minibus: 120 euro al giorno, da dividere fra i passeggeri. Questi divideranno in parti uguali anche le spese di carburante ed eventuale pedaggio autostradale. Il Contratto di noleggio è intestato al conducente e non all’Associazione.

Il tragitto in macchina da Roma per Santa Maria Maggiore richiede 8 ore escluse soste e traffico. Si prevedono 10 ore di viaggio con ampie soste e prevedibile traffico.

Si richiede puntualità agli appuntamenti.
Gli spostamenti, durante le giornate del trekking avverranno con automobili e Minibus.

Alloggio

L’albergo è situato in Santa Maria maggiore a quota 800 mt ed è di categoria 3 stelle, a pochi passi dal centro del grazioso Borgo. Incluso nel costo Hotel ci sono altri servizi: WiFi – Servizio Navetta in Santa Maria Maggiore

Consigli utili

Per le escursioni è necessario indossare calzature idonee, scarponcini da trekking alti alla caviglia. Bastoncini e zaino da trekking di grandezza fra 20 e 45 lt. Indumenti per la pioggia, calze e magliette di ricambio, 2 lt di acqua e pranzo al sacco quando specificato, crema solare e cappellino. Sconsigliati i pantaloni corti.

Iscrizione al sito. Qualora non fossi già iscritto

Apri “Area Utente”, in Home Page e quindi “Registrati”. Questo passaggio può essere completato anche indipendentemente dalla partecipazione. E’ utile per ricevere le newsletter e indispensabile per il tesseramento e per aderire al singolo evento. Compila ogni campo della form d’iscrizione e clicca su “Registrati”.

Tesseramento. Per chi non avesse Tessera in corso di validità

La Tessera ha una durata solare, 365 giorni dal giorno di emissione. L’importo relativo alla tessera sottoscritta può essere versato in contanti alla Guida o acquistata tramite PayPal accedendo ai nostri sistemi automatici. E’ necessaria per accedere alle attività.
Per il Tesseramento è necessaria l’Iscrizione al sito.

Informazioni

Prima, durante o dopo uno di questi passaggi, è sempre possibile acquisire tutte le informazioni utili e necessarie alla partecipazione dell’attività scelta.
E’ possibile contattare l’Associazione via e-mail a info@camminomediterraneo.com o telefonare al 333 6327610 o al recapito telefonico indicato, relativo alla Guida incaricata.

 

Additional information

DestinazionePiemonte
Tessera richiestaTessera Sport, Tessera Sport Plus
PartecipantiMassimo 22, Minimo 8
AccompagnatoreGiuseppe D’Onofrio
Contatti+39 333.63.27.610, info@camminomediterraneo.com

Il Programma sotto fissato potrebbe subire variazioni, dalla riduzione di un percorso previsto al suo annullamento, dalla inversione della scaletta sotto riportata alla partenza anticipata o posticipata. Tali cambiamenti sono a discrezione della Guida, previa verifica delle condizioni meteoclimatiche.
Si ricorda ai soci che all’interno del programma fissato non è consentito prendere iniziative escursionistiche autonome se non autorizzate dalla Guida o previste dal Programma stesso, essendo l’Associazione e la Guida sempre responsabili nei confronti dei partecipanti, durante i tempi di attività trekking previsti.

Domenica 21

Primo appuntamento: Roma, Piazza Bologna 1, Bar Meeting Place, ore 8
Secondo Appuntamento: in Albergo a S. Maria. Maggiore, ore 18.30
Arrivo in Hotel, sistemazione e cena

 

Lunedì 22: Alpe Devero

Traversata del Grande Est. Una grande gita in ambiente stupendo. Sicuramente una delle escursioni più belle su queste montagne. Sette km di falso piano sui 2000 mt di quota, praterie alpine, pascoli alti, alpeggi abbondanti, mandrie al pascolo, laghetti nivali e marmotte. E intorno la montagna di Devero in cui si legge la tormentata storia geologica; grandioso il colpo d’occhio sulle imponenti cime delle Alpi Pennine.
Fra i larici e nel fitto sottobosco sono numerosi i cervi e i caprioli. L’ultimo tratto della traversata percorre i piani alti che ospitano minuscoli laghetti. In tutta la zona vive una numerosa colonia di Marmotte che è facile veder correre sui dossi erbosi o immobili sui sassi. L’Aquila è presente nella zona e può capitare di vederne il volo. Escursione che richiede pazienza e impegno, ripagati da un paesaggio genuinamente alpino, senza compromessi. Sentieri dal fondo non impegnativo.
Il percorso è ad anello e si ritorna al punto di partenza passando dal Lago di Devero.
Il dislivello complessivo in salita è di 700 mt.
Tempo di percorrenza escluse le soste 6 h 30’
Distanza 18 km.
Altezza massima raggiunta 2200 mt. Pranzo al sacco.
Alternativa meno impegnativa: Chi volesse potrebbe arrivare al vicino Lago di Devero e tornare indietro. In questo caso i dati sopra riportati si ridurrebbero: dislivello in salita 200 mt, distanza 6 km, 2 h escluse le soste e il pranzo può anche essere consumato presso i ristori di Devero, alla fine della breve escursione

 

Martedì 23: Alpe Veglia

Per chi voglia sentire ancora il profumo della Montagna alpina, questa volta sulle Alpi Lepontine (Alpe Veglia). Al termine, per tutti, Polenta in Rifugio. Veglia, alla testata della Val Cairasca, è un’ampia conca di origine glaciale, circondata da una catena di monti che costituiscono il lembo occidentale delle Alpi Lepontine. Sono montagne belle e severe che si distribuiscono ad una quota superiore ai 3000 mt; le loro creste di collegamento segnano il confine con la Svizzera. Il Monte più alto di questa fascia alpine è il Monte Leone, 3553 mt. Esiste una strada sterrata percorribile anche con i fuoristrada (previa autorizzazione). E’ transitabile solo in Estate per pericolo valanghe. Come per quasi tutte le valli dell’Ossola, non esiste una vera attività turistica invernale, impianti di risalita quasi non esistono, lo sci alpino non si è sviluppano, rimane ancora una montagna per escursionisti, pastori, boscaioli, mandrie e paesaggi lontani e silenziosi.
Veglia è un angolo di mondo perduto che la Natura stessa ha saputo difendere concedendolo solo sei mesi l’anno. Per gli altri sei mesi, neve e silenzio. Veglia è sempre rimasto un ‘Alpe’ nel senso tradizionale del termine, cioè una sede temporanea e terminale nel complesso itinerario di transumanza dai centri di fondovalle ai pascoli alti. In questa escursione utilizzeremo uno dei rari impianti esistenti che ci porterà a quota 1975 mt e da qui saliremo ancora su sentiero di montagna fino a toccare 2430 mt, quindi discesa fino ad un accogliente rifugio per il pranzo. La strada di ritorno è anch’essa su sentiero ma non la stessa. Chiudiamo l’anello ritornando alla seggiovia che ci porterà al P auto posto alla base.
Dislivello totale in salita 640 mt per l’andata + 200 mt per il ritorno.
Distanza 10 km per l’andata + 7 km per il ritorno.
Fondo su sentieri di montagna.
Chi volesse, potrebbe prendere dal rifugio la comoda sterrata che porta direttamente alla base della seggiovia, evitando gli ulteriori 200 mt di dislivello in salita ma aumentando il dislivello in discesa.
Alternativa meno impegnativa: Arrivare al Rifugio attraverso la comoda sterrata del fondo valle (senza impianto). Impegno ridotto, percorso a/r 12 km, fondo comodo, dislivello 350 mt, tempo di percorrenza 4 h escluse soste.

 

Mercoledì 24: Parco Nazionale della Val Grande

Partendo dalla zona di Malesco si percorre un sentiero che si mantiene a quote relativamente basse (massima altezza 1600 mt) scelto, per questa giornata, per il breve viaggio in macchina richiesto ma soprattutto per la bellezza della Natura che attraversa. Il versante Nord del parco è particolarmente rigoglioso di una vegetazione lussureggiante, dai colori intensi e ricca d’acqua. Quasi tutto all’ombra si esalta per la varietà di specie botaniche e la vivacità che l’abbondanza di acqua da al paesaggio.
Una giornata di relativo riposo, con un dislivello in salita di 600 mt, distanza 12 km, tempo di percorrenza escluse le soste 4 h.  Pranzo al sacco.
Il breve viaggio in automobile e i tempi d’escursione ci permettono un maggiore relax al termine, anche nel grazioso centro storico di S. M. Maggiore.

 

Giovedì 25: Alpe Devero

Giro della Val Buscagna. Vaste praterie alpine, solenni picchi rocciosi, il silenzio dei grandi spazi, mandrie solitarie al pascolo e il volo dell’Aquila. E’ il grande Ovest di Devero, una valle ampia e pianeggiante, alpeggi e pascoli rigogliosi, un torrente dal percorso sinuoso crea innumerevoli meandri. Colonizzate fin dal medioevo, queste zone hanno permesso lo sviluppo di una fiorente attività di allevamento grazie all’utilizzo di vaste aree a pascolo. Questi paesaggi dolci e ricchi di foraggio non sono tuttavia naturali ma il frutto di secoli di bonifica per estirpare mirtilli e rododendri, pulire il terreno dalle pietre, canalizzare le acque, costruire sentieri e mulattiere.
Questa gita permette di effettuare un itinerario ad anello che percorre i diversi ambienti della valle. Una grande escursione in uno dei luoghi più belli di queste montagne, per una giornata di piena immersione nella natura alpina. Grandi spazi, solitudine, silenzio.
Dislivello totale in salita 845 mt.
Altezza massima 2430 mt
Tempo di percorrenza escluse le soste 5 h 30’
Fondo su sentiero di montagna, solo a tratti accidentato.
Distanza 15 km
Pranzo al sacco.
Alternativa meno impegnativa: E’ possibile ridurre l’impegno fermandosi alla prima tappa, il Lago Nero e tornare a Devero per ora di pranzo in ristoro (dislivello 350 mt concentrate in una salita ripida iniziale, tempo di percorrenza 2 h 30’, distanza 7 km

 

Venerdì 26: Valle Anzasca – Monte Rosa.

L’Alpe Pedriola, dove è posto il Rifugio di riferimento in questa giornata è il più importante ‘alpeggio alto’ di Macugnaga. Una distesa verde di pascoli in una conca protetta da un cordone morenico al cospetto della grande parete Est del Monte Rosa.
Questa vasta conca fu inalpata per secoli dai pastori le cui mandrie si spingevano a brucare l’ultima erba a ridosso del ghiacciaio. La grande muraglia di roccia e ghiaccio non interessava i montanari, al contrario incuteva timore e suscitava arcane paure. Solo alla fine dell’ottocento arrivarono uomini che guardarono la montagna con occhi diversi: erano i primi alpinisti impegnati in una sfida con la montagna di dimensioni nuove.
In questa giornata ci concediamo grandi panorami e impegno ridotto, con l’aiuto di una seggiovia ci porterà a quota 1850. Da qui a piedi per un rifugio dalla bella posizione davanti al ghiacciaio del Monte Rosa. Escursione, come detto, semplice.
Dislivello in salita 250 mt, 45’ solo andata. Chi volesse potrebbe proseguire con la guida al vicino laghetto delle Locce, altri 250 mt di dislivello. Al termine pranzo in rifugio.
Tempo di percorrenza dalla stazione alta della seggiovia fino al Lago delle Locce a/r 3 h escluse le soste. Dislivello complessivo in salita 500 mt, distanza 7 km.

 

Sabato 27: Parco Nazionale della Val Grande

Escursione spettacolare ad anello. Dalla piccola capitale del parco, Cicogna, percorriamo i sentieri di alpigiani, boscaioli e partigiani che ci condurranno a balconi panoramici su monti e laghi e in suggestive forre scavate dal Rio Pogallo. Un cammino lungo storie di vita e di uomini, le cui tracce sono ben presenti nella memoria e nelle opere che ci hanno lasciato. Il percorso si snoda lungo il torrente Pogallo nel quale, se le condizioni di luce e temperatura lo consentissero, è possibile fare il bagno.
Dislivello in salita 750 mt.
Tempo di percorrenza 6 ore escluse le soste.
Distanza 14 Km. Percorso all’ombra di freschi boschi. Pranzo al sacco.
Questa proposta richiede un appuntamento per la partenza dall’albergo alle 8 di mattina.
Alternativa meno impegnativa: Si può arrivare al borgo antico di Pogallo e tornare indietro senza proseguire Dislivello e tempi dimezzati.

 

Domenica 28 Agosto

Partenza e rientro ai luoghi di provenienza. Rientro previsto a Roma per le ore 20.

Tour Reviews

There are no reviews yet.

Leave a Review

Rating