fbpx
______333.632.7610 info@camminomediterraneo.com

Il Cilento sconosciuto dei

Patrimoni Unesco

Sant’Angelo a Fasanella

quattro giorni, tre notti

Sant’Angelo a Fasanella, 500 mt di altitudine o poco più, con una tale ricchezza di spunti naturalistici e storici da lasciare a bocca aperta, condotti per mano da appassionati del paese e del territorio cilentano. Una particolare nota merita l’ottimo rapporto qualità-prezzo.

Dal 28 aprile al 1 maggio

Guida Ambientale Escursionistica: Giuseppe D’Onofrio

Impegno: facile

Termine adesioni: 30 marzo

Spese individuali previste:

•  Assistenza Tecnica: 80 euro
•  Per chi partecipasse anche al precedente viaggio a Scario Palinuro, dal 25 al 28 aprile, il costo è di 60 euro
•  Tre giorni in Mezza Pensione, camera doppia: 150 euro, vino escluso
•  Disponibili solo 3 camere singole con supplemento di 5 euro a notte e 9 camere doppie, entrambe con bagno in camera
•  Pranzi
•  Trasporto con automobili private. Qualora ce ne fosse necessità, la Guida potrebbe noleggiare un minibus da nove posti

 

 

Trekking di impegno facile

Guida Ambientale Escursionistica: Giuseppe D’Onofrio

iscritto ad AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche), tessera LA 190
La Guida è assicurata per la responsabilità civile personale ai sensi di legge, per danni involontariamente arrecati a terzi, compresi gli “accompagnati”, nella loro qualità di GAE durante l’attività escursionistica e/o durante le attività preparatorie alle escursioni.

  • Le escursioni in programma possono essere modificate o annullate, a discrezione della Guida, per motivi meteo e di sicurezza.
  • Per la partecipazione non è prevista Tessera

Come partecipare

•  A conferma ti chiedo di inviare acconto di 80 euro entro il 30 marzo tramite bonifico su iban IT79L3608105138262093462099, intestato a Giuseppe D’Onofrio
L’adesione si perfeziona con l’invio dell’acconto.
La quota relativa all’albergo e agli altri servizi è saldata direttamente da ogni singolo partecipante
•  Prima della partenza verrà inviata una e-mail per informazioni pratiche, utili ad un corretto accesso all’attività
•  Contatti: Giuseppe 333 6327610 – info@camminomediterraneo.com Reperibile anche tramite whatsApp e SMS
Se non mi sarà possibile rispondere subito ricontatterò in breve tempo. Utile ricevere un messaggio con nome, cognome e indirizzo e-mail

 

Alloggio e Pasti

L’alloggio è presso Agriturismo La Rocca degli Ulivi nel territorio di Sant’Angelo a Fasanella
http://www.laroccadegliulivi.it/web2/

Mezza Pensione, camere doppie e singole con bagno.

Note importanti e dotazioni

Necessari
• scarponcini da trekking
• zaino con capienza consigliata da 30 a 50 lt
• coperture per la pioggia

Consigliati
• indumenti caldi e comodi
• bastoncini, specialmente in alcuni tratti dei percorsi

    Trasporto

    •  Verranno utilizzate automobili private, in questo caso il costo del viaggio viene ripartito fra i passeggeri, con esclusione del proprietario, in ragione di 15 cent a km + pedaggio autostradale. Qualora non si disponga di automobile propria o non si voglia metterla a disposizione, contattare la Guida che cercherà soluzioni di trasporto in automobili condivise
    •  Il viaggio da Roma, da Via Roccella Jonica (zona metro A Anagnina) per raggiungere il luogo dell’appuntamento richiede 4 h 30′, escluse le soste.

    Assicurazione Infortuni
    La copertura assicurativa Infortuni è facoltativa può essere sottoscritta per la durata di 365 gg oppure per ogni singola giornata di attività

    La durata annuale ha un costo di 10 euro e va sottoscritta entro 5 gg dalla escursione. E’ operante dal momento in cui il tesseramento risulta completato e scadrà alle ore 24.00 del 365° giorno successivo.

    L’assicurazione giornaliera ha un costo di 1 euro per ogni giornata e può essere sottoscritta anche il giorno prima. Il mio consiglio è di sottoscrivere quella annuale per avere una copertura nell’arco dell’anno, senza ulteriori formalità

    Per sottoscrivere la polizza occorre scaricare sul proprio cellulare, da Google Play o da Apple Store, l’App Trip&Trek e procedere all’iscrizione. In questo modo la sottosciione e la copertura sono immediate

    L’Assicurazione è collegata al tesseramento EIC (Escursioni Italia Club) garantisce un’ampia tutela in caso di infortuni occorsi esclusivamente durante le attività escursionistiche organizzate e riconosciute da E.I.C. o A.I.G.A.E. (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche), quindi valida per qualsiasi escursione guidata da una Guida Ambientale Escursionistica, regolarmente iscritta ad AIGAE

    La copertura assicurativa annuale  
    Le garanzie oggetto dell’assicurazione sono:
    Morte: capitale assicurato € 50.000,00
    Lesioni: capitale assicurato € 100.000,00, la % della lesione è da identificare nella Tabella Lesioni allegata alla polizza. Questa tabella può essere inviata in qualsiasi momento a chi ne faccia richiesta
    Franchigia: 3%. L’indennizzo è soggetto ad una franchigia del 3%, pertanto se la percentuale prevista nella Tabella Lesioni è pari o inferiore al 3%, non è dovuto alcun indennizzo; per percentuali superiori al 3% l’indennizzo viene riconosciuto solo per la parte eccedente il 3%.
    Rimborso Spese Mediche: massimale € 2.000,00 per sinistro e per anno, scoperto € 100,00 per sinistro (è la parte che rimane a carico dell’infortunato) – la garanzia opera solo a seguito di infortunio con lesione indennizzabile (pertanto sopra al 3%).
    Le garanzie operano senza limiti di età e in tutto il mondo.

    Un abbraccio a tutti e buon tempo
    Vi aspetto per camminare insieme
    Giuseppe

    Appuntamenti

    •  Primo Appuntamento: Stazione ferroviaria di Sapri, ore 14
    •  Secondo Appuntamento: Agriturismo, ore 15.30
    •  Fine attività: ore 15 circa, domenica 1 maggio

     

    Contatti

     Per informazioni tecniche e su attività trekking contattare la Guida
    Giuseppe: 333 6327610 oppure info@camminomediterraneo.com

    Il programma

    Le escursioni in programma possono essere modificate o annullate, a discrezione della Guida, per motivi meteo e di sicurezza.
    Per la partecipazione non è prevista Tessera da sottoscrivere. Assicurazione Infortuni facoltativa
    Per partecipare alla escursione è obbligatorio l’utilizzo di scarponcini da trekking alti alla caviglia
    La Guida può escludere (o eventualmente dare indicazioni per una attività “ridotta”), da una o più giornate trekking, chi non abbia calzature idonee e avere abitudine e preparazione agli specifici percorsi trekking

    NOTE

    Il Comune, che sorge alle falde sud-orientali degli Alburni a circa 500 mt sul livello del mare, gode di numerosi boschi di faggio.
    Il Cilento, Parco da numerosi anni, è il secondo per grandezza in Italia, dopo il Parco del Pollino.
    Il suo territorio è vasto e racchiude una gran varietà di aspetti storici e archeologici. Ma la sua fama è cresciuta, fino alla doverosa istituzione del Parco, per la grande bellezza naturale del suo territorio.
    In questa nuova occasione di visita escursionistica, a differenza della zona costiera meta del precedente viaggio, esploriamo una delle diverse anime interne del Cilento, avendo cura di scegliere valori di prima grandezza, per lo più sconosciuti al grande pubblico
    L’impegno escursionistico è limitato, anche per dare più spazio alla conoscenza dei numerosi e spettacolari siti naturali e culturali
    Trekking, buona cucina locale, splendidi panorami. Il Cilento, qualcuno lo descrive come una positiva anomalia nel panorama meridionale.
    Una terra dove la natura ed il turismo poggiano su una buona organizzazione, un elevato senso civico, una umanità e generosità tipicamente meridionale.

    Domenica 28 Aprile: centro storico e Grotta di San Michele

    nePomeriggio dedicato ad una delle meraviglie di questa terra, accompagnati da un cicerone del luogo, nostra Guida per i quattro giorni.
    La Grotta di San Michele, Patrimonio Unesco e sotto tutela FAI.
    Poco conosciuta ai più, ha un valore religioso e geologico di enorme importanza
    E’ situata ai piedi di una parete rocciosa a poca distanza del Centro abitato di Sant’Angelo a Fasanella (SA) e rappresenta il simbolo della Religiosità Cristiana
    La grotta era utilizzata già nell’età preistorica come rifugio.
    Si pensa che successivamente si trasformò in un sito religioso dedicato al culto delle acque ed è facile supporre che la presenza di stalattiti e stalagmiti all’interno dell’antro fossero venerate come vere e proprie icone sacre, probabilmente percepite come figure realizzate delle stesse divinità.
    Diversi millenni più tardi, la grotta divenne un Santuario cristiano consacrato a San Michele, alimentando il culto micaelico, molto diffuso in Campania e nel meridione
    Ci soffermeremo anche al centro storico di Sant’Angelo, rilassandoci tra i suoi accoglienti spazi
    Al termine rientriamo in Agriturismo, cena e pernotto
    Difficoltà: di tipo turistica
    Sono sufficienti buone scarpe da ginnastica

    Lunedì 29 Aprile: Il monte Panormo (o Alburno)

    Saliamo sulla cima dei monti Alburni, l’estrema propaggine settentrionale del Parco Nazionale del Cilento
    Non è la cima più alta del Parco, primato assegnato al monte Cervati, ma sicuramente di particolare bellezza, grande massiccio calcareo con il lato Nord a strapiombo sulla valle del fiume Tanagro e quello Sud più dolce, rivestito da una delle più grandi e belle faggete d’Italia
    Partiremo dal rifugio Panormo dove pranzeremo a fine escursione
    Il percorso è all’interno della faggeta e sale con tratti ora più dolci, ora più ripidi, con passo lento
    Il panorama dalla cima (1742 mt) è superbo, su buona parte della Campania
    Distanza: 10 km
    Dislivello in salita: 450 mt
    Tempo di percorrenza escluse le soste: 4 ore
    Percorso su sentiero
    Pranzo al rifugio

    Martedì 30 Aprile: Grotta di Frà Gentile, la vetta dell’Antece, Roscigno Vecchia

    L’Antece, Patrimonio Unesco
    Un tempo sede di un antico castrum dei Lucani, è possibile ammirare una figura a grandezza naturale intagliata nella roccia e risalente al IV secolo a.C: il guerriero vestito con un chitone e armato di scudo e scure. Si narra che sia la rappresentazione di un dio o di un eroe. Conosciuto con il nome “Antece“ (che in dialetto cilentano significa antico), il guerriero lascia senza fiato quanti hanno la fortuna di vederlo.
    Antece, infatti, era la divinità pagana degli Alburni: i Lucani adoravano la statua ed erano soliti chiedere grazie e prodigi. Non rari, erano sacrifici di animali. Intatto, il profilo del guerriero che proteggeva la comunità del posto.
    Grotta di Frà Gentile
    La Grava di Fra’ Gentile, uno spettacolare inghiottitoio fossile con un maestoso ingresso, ancora attivo e profondo circa 233 m. attraversata nei suoi sotterranei dalle acque della parte centrale dei Monti Alburni, le stesse che poi fuoriescono alla sorgente Auso.
    Roscigno vecchia, la ”Pompei del Novecento”
    Come gli antichi pompeiani, anche i roscignoli fuggirono alla forza della natura ma la fuga fu molto più lenta, durata quasi un secolo, da quando due ordinanze del Genio Civile, nel 1907 e 1908, stabilirono lo sgombero del paese e la costruzione di nuove case piú a monte.
    Buona parte degli abitanti non voleva lasciare la propria dimora, non vedeva grandi rischi e, soprattutto, non aveva denaro sufficiente per costruire nuove case.
    In molti partirono per le Americhe e la Svizzera. A metà degli anni Sessanta, poi, i pericoli delle frane divennero evidenti. Gli emigrati, intanto, iniziarono ad inviare i propri risparmi ai parenti. Era giunto il momento di trasferirsi.
    E’ uno dei borghi abbandonati d’Italia, per motivi geologici. La sua storia ci restituisce adesso il fascino dei luoghi fermi nel tempo, con una straordinaria capacità di comunicare il passato, le voci, il tempo da cui proveniamo

    Mercoledì 1 maggio: le cascate del torrente Auso e le grotte di Castelcivita

    Ultimo giorno dedicato a due aspetti naturalistici che ben rappresentano la solare natura cilentana, con quel particolare clima tra mare e montagne che l’hanno resa rigogliosa, ricca di acque e di boschi
    Questo ha attratto e alimentato una religiosità legata agli elementi naturali, dove riti pagani prima e poi cristiani hanno trovato la giusta collocazione, per il senso di perfezione, armonia e pace, sia per i fedeli che per uomini dediti all’isolamento anacoretico
    Impegno escursionistico molto limitato e spazio al godimento delle meravigliose cascate del torrente Auso, dalle acque cristalline
    Le grotte di Castelcivita sono tra le più belle e poco conosciute d’Italia
    Il sistema di cavità sotterranee, si apre a 94 m di altitudine, tra le rive del fiume Calore ed il versante sud-occidentale dei monti Alburni, mostrando da subito un suggestivo scenario di gallerie, ampi spazi e strettoie scavati dall’azione millenaria dell’erosione carsica.
    Al termine piccolo pranzo in trattoria e partenza per i luoghi di provenienza
    Distanza: 6 km
    Dislivello in salita: 200 mt
    Sentieri e stradine bianche

    Appunti di viaggio…

    Pronto a partire?

    6 + 8 =

    X contatti veloci:

    Se hai bisogno di informazioni aggiuntive, compila il modulo accanto, o scrivimi a info@camminomediterraneo.com

    Oppure chiama al numero: (+39) 333.632.7610

    Proprietario del sito web:  cammino mediterraneo – di Giuseppe D’Onofrio – Partita IVA – 14405561003

    condividi