______333.632.7610 info@camminomediterraneo.com

a cura di... Cammino Mediterraneo

23 Settembre 2019

Vacanza a Capri può vuol dire per molti la piazzetta, forse la più famosa al mondo per la mondanità, il lusso ed i tanti vip che la frequentano in tutte le stagioni. Ma fare una vacanza a Capri non è solo questo.

Capri è natura da scoprire, strapiombi, spiggette nascoste. Capri è il luogo dai colori accesi ed intensi. Capri è il luogo capace di stregare artisti, poeti e letterati per la sua unicità. Per la sua rara bellezza. 

L’isola si erge elegante ed unica, di fronte al Golfo di Napoli, vicina alla penisola sorrentina. Le sue limpide ed azzurre acque del Mar Tirreno ne fanno agli occhi di chi la vede per la prima volta una visione paradisiaca. In primavera ed in estate  offre i colori più accesi, ma anche in autunno e in inverno garantisce, agli occhi del viaggiatore, un affresco di rara bellezza. La storia di Capri è mito, leggenda, storia, mondanità ma anche natura ancora sorprendente e rara. Isola ancora capace di sorprendere per la sua anima “altra”, per la sua capacità di svelarne tutta la sua bellezza a chi ne sappia percorrere le segrete vie.  

Vacanza a Capri: i tesori naturali…

Vacanza a Capri per scoprire e rimanere ammirati dalli effetti sorprendenti delle infiltrazioni del mare, che attraverso millenni di scontro con la roccia hanno dato origine ad insenature e grotte selvagge e sorprendenti per colori e forme. Ve ne sono circa 65 su tutta la sua superficie. La grotta azzurra meta visitata da quasi tutti i villeggianti, almeno una volta, per l’incanto che offre agli occhi. La grotta bianca ricca di stalattiti e stalagmiti. La grotta verde con le sue acque cristalline dal colore verde smeraldo. E poi, tante altre piccole grotte sommerse.

Vacanza a Capri: gli strapiombi…

Vacanza a Capri per scoprire i suoi strapiombi e le spiaggette nascoste, anche questo offre Capri, oltre ai vicoli ed alla piazzetta. Scogli giganteschi, il Monacone, oltre ai famosi Faraglioni.

Quindi, una varietà di immagini fra promontori, cale e dirupi. Fra  case bianche immerse nel verde e ville dai giardini lussureggianti.

Fare una vacanza a Capri può voler dire, camminare fra queste immagini, dense di odori e sapori tipici del mediterraneo. Meta da tutti ambita e frequentata, anche Pablo Neruda ne descrisse il carattere nella sua “regina di roccia”.

Fu proprio Capri, l’isola azzurra come amava chiamarla, a far innamorare il poeta cileno di  Matilde Urrutia. Ospitato da Edwin Cerio, nella sua splendida Casa di Arturo lungo Via Tragara, Capri ne alimentò il suo fervore creativo dando origine ad alcune fra le più belle poesie del poeta.

Vuoi venire con noi?

“…Facciamo trekking fra i luoghi più belli e suggestivi d’Italia.

Dal mare alle montagne per riscoprire il piacere di eomozionarci.

Visitando luoghi, annusando odori, osservando cultura e tradizioni che il turismo patinato non riesce a percepire.”

Vacanza a Capri: l’sola dell’amore e delle Sirene

Il mitico poeta Omero racconta che Ulisse (precedentemente avvertito dalla maga Circe) per sottrarsi alla seduzione delle sirene si fece legare all’albero maestro della nave e fece otturare con tappi di cera le orecchie ai suoi marinai. Fu così che Ulisse, costeggiando Capri, l’isola delle Sirene, riuscì ad evitare il pericolo che si nascondeva dietro il loro canto. La leggenda vuole che Partenope per il rifiuto subito da Ulisse si suicido gettandosi in queste acque. Da qui forse la forma di Capri raffigurante il corpo disteso di una donna.  

“Capri e la la sua antica storia.”

Ottaviano, non ancora Augusto, nel 29 a.C. vi sbarcò e, rimasto affascinato dalla bellezza dell’isola, la tolse a Napoli in cambio di Ischia. Dopo Ottaviano, l’imperatore Tiberio si trasferì per dieci anni sull’isola e da qui si occupò degli interessi dell’impero. 

Le opere realizzate dai due imperatori influirono sull’architettura e sullo sviluppo dell’isola. Per la grande capacità costruttiva dei romani furono edificati il porto, il sistema idrico, numerose fattorie, abitazioni, casali e le dodici ville imperiali elencate nell’Ottocento dallo storico caprese Rosario Mangoni. Restano testimonianze evidenti di questo antico splendore la Villa JovisVilla Palazzo a Mare e Villa Damecuta.

Vacanza a Capri allora vuol dire tutto questo. Fra il Monte Solaro da cui si osserva tutto l’arcipelago, la grotta di Matermania, la Scala Fenicia, la Villa Romana di di Damecuta il Faro di Punta Carena, l’Arco Naturale. Tutti paesaggi unici, con i faraglioni sempre a far da sfondo.

Vacanza a Capri è anche questo… per chi ha voglia di scoprirne l’anima!

…buon cammino!

Vuoi sapere qual’è il prossimo percorso in partenza?

condividi
condividi